08/03/2024 - 09/03/2024 Teatro

8 9 marzo ore 21:00 / Teatro

P come Penelope
per una riscrittura contemporanea del mito

Utilizziamo il teatro come luogo di indagine e comprensione. In uno spazio chiuso, asettico, come un laboratorio di analisi, mettiamo sotto il microscopio l’iconica storia di Penelope, cerchiamo di restituire alla figura universale del mito il suo sguardo negato, quello della donna che l’ha subito-vissuto, riconoscendole così una funzione attiva nella narrazione della sua vita.

La nostra P, bloccata in questo spazio, itera il suo fare e disfare la scena – come la Penelope omerica faceva e disfaceva la tela – raccontandosi, ricostruendo il suo passato e immaginando il suo futuro. P ripercorre la sua esistenza segnata dal rapporto con il padre, trascorsa aspettando un uomo che non è mai tornato, interrotta per un figlio che, una volta cresciuto, ha scelto di non aspettare e di partire. In una sorta di confronto tra le triadi dei ruoli maschili e femminili: padre, marito, figlio e madre, moglie, figlia.

La chiave ironica con cui affrontiamo queste tematiche universali, riporta immediatamente l’indagine intorno al mito al nostro vivere contemporaneo, restituendoci un’educazione sentimentale al femminile che vuole mettere al centro la ricerca della felicità.

Crediti

di e con Paola Fresa
in collaborazione con Christian Di Domenico 
supervisione registica Emiliano Bronzino
scene e costumi Federica Parolini
luci Paolo Casati

regista assistente Ornella Matranga
una produzione Accademia Perduta-Romagna Teatri Fondazione TRG di Torino
in collaborazione con Officina Corvetto Festival,TRAC (Teatri di Residenza Artistica Contemporanea),KanterStrasse
Dialoghi_Residenze delle arti performative a Villa Manin

a cura del CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia

Biglietti
Intero 12€Ridotto 10€ (over 65, convenzioni) – Ridotto 8€ (studenti)

Acquisto online

Per info e prenotazioni
biglietteria@teatrobibliotecaquarticciolo.it