14/10/2020 - 04/11/2020 Laboratorio

Da mercoledì 4 novembre, per tutti i mercoledì a seguire, dalle ore 18 alle 20.30
VEDERE LEGGERE UNA PERSONA È UNA COSA MERAVIGLIOSA E VICEVERSA
coro di lettori
a volte è bene esagerare
Laboratorio con Federica Santoro
e con la collaborazione del musicista Luca Tilli
Rivolto a persone di tutte le età e interessi.
Uno degli obbiettivi di questo laboratorio è di creare un coro, un corpo sinfonico di lettori, persone che leggono e manipolano libri libri e libri di tutti i generi.
È iniziato come una visione: mi sono vista in un tram, su dei muretti, per strada [etc…] in compagnia di un gruppo di persone di tutte le età e interessi, eravamo li a leggere, tutti insieme, disposti in varie forme, ogni volta altre forme, c’era sempre almeno uno che leggeva, eravamo concentrati, ognuno su un libro diverso e in tempi diversi, era un inizio, poi la visione continuava[…]
Leggere è uno dei gesti che quotidianamente ci impegna,
come ha sempre sostenuto J. L. Godard, l’atto del leggere, vedere leggere, riprendere [con la camera, imprimere in una foto, …] qualcuno che legge, è un concetto che contrae in un unico gesto l’azione massima e l’inazione più pura…
Si legge con un certo livello di concentrazione, più o meno intensa, si comprende e si apprende, oppure no, si legge in modo inconsapevole, casualmente, senza badare a quello che scorre sotto i nostri occhi o caoticamente, oppure, accesi, illuminati o mediocremente interessati e così via…. ma si legge comunque.
Pratiche ed esercizi : dalla lettura all’azione scenica, dal teatro al quartiere e viceversa.
Tecniche recitative, la parola , le parole, logica e astrazione, lettura interna e ad alta voce, coralità e concertato, assolo, i linguaggi verbale e fisico, l’azione performativa di gruppo e in assolo, accrescere il proprio senso di divertimento e ampliamento.
Oggetti utili- Libri: testi teatrali, saggi di qualsiasi genere, scientifici, storici, sportivi, libri di poesia, d’arte, letteratura classica e contemporanea , libri che ci piacciono, che non ci piacciono, …
_____________________________
—————————
Federica Santoro
Regista, interprete e performer agisce nell’ambito della ricerca teatrale e performativa, condivide progetti con artisti attivi nei diversi campi dell’arte.
Vince il premio Ubu nel 2012 come miglior attrice non protagonista per L’origine del Mondo di Lucia Calamaro – 2016 Viene candidata al premio Duse per il Teatro come miglior attrice.
Dal 2000 ad oggi dirige e interpreta spettacoli teatrali, che scrive o di cui cura la drammaturgia da testi di autori come Sarah Kane, Shakespeare, Elfriede Jelinek, Thomas Bernhard, Peter Handke, Henrik Ibsen.
Collabora dal 2009 con il musicista Luca Tilli in vari progetti performativi e teatrali, di cui l’ultima creazione è HEDVIG da L’anitra Selvatica di H. Ibsen (2019).
Nel 2004 fonda il duo performativo Cane insieme alla musicista/performer Daniela Cattivelli ad oggi la loro ultima creazione è la performance To celabrate (2016).
Ha diretto e interpretato spettacoli con F. Timi negli anni ‘90.
Lavora e ha lavorato come attrice con registi e drammaturghi in ambito contemporaneo, tra cui Giorgio Barberio Corsetti di cui ricordiamo il ciclo di spettacoli da F. Kafka ( il Processo, America, Descrizione di una battaglia, Durante la costruzione della muraglia Cinese e molti altri tra cui Notte e Paradiso da Milton), Societas Raffaello Sanzio, Alfonso Santagata, Roberto Rustioni (Villa dolorosa di Rebecca Kricheldorf), Travirovesce , Lucia Latour , Giorgina Pi, Tony Clifton Circus, Lucia Calamaro (L’origine del mondo e Diario del tempo), Industria Indipendente Klub Taiga (2020).
Luca Tilli
Studia violoncello con il maestro Michele Chiapperino. Dopo esperienze con varie Orchestre Stabili l’attività concertistica e di studio all’interno della musica contemporanea e dell’improvvisazione, lo porta a collaborare con il violoncellista americano Tristan Honsinger. Dal 2005 la sua attività concertistica si è concentrata nell’ambito della musica d’avanguardia, collaborando stabilmente in trio con Luca Venitucci e Fabrizio Spera e partecipando a vari festival con Sebi Tramontana, Paul Lytton, John Edwards, Phil Minton, Massimo Pupillo, Lol Coxhill e con Mike Cooper nel trio RAST… Nel 2007 suona nell’ensemble B for Bang di Katia Labéque.
Nel 2011 prende parte al progetto Mirror emperor con Zu e David Tibet – Current 93.
Dal 2017 suona nel trio Kammermusik con G. Schiaffini e Errico De Fabritiis e nell’ottetto di Nino Locatelli Pipeline.
Dal 2012 suona in duo con Sebi Tramontana e nel 2019 esce il loro primo cd Down at the docks per la nuova etichetta We Insist, che lo stesso anno pubblica anche il primo cd dell’ottetto Pipeline.
Dal 2006 compone musiche per spettacoli di danza butoh all’interno dei Festival Soma e Trasformazioni, in collaborazione con il danzatore Stefano Taiuti e costituisce una nuova formazione in quartetto insieme ad Alberto Braida, Paul Lytton e John Edwards.
Suona nello spettacolo di Daria Deflorian “Bianco” nel 2007 . Nel 2012 collabora con la compagnia teatrale Biancofango e con Santa Sangre nel progetto Konya. Suona in duo con la cantante attrice Monica Demuru, in performance e concerti in ambito contemporaneo. Dal 2009 collabora con Federica Santoro come musicista e performer agli spettacoli L’ingegneria del consenso, Divertimento, In Società, Warum eine Kuche, Mancano pochi minuti, Hedvig da L’Anitra Selvatica di H.Ibsen.
Costo: 50€ al mese
Info:
organizzazione@teatrobibliotecaquarticciolo.it