18/01/2020 Teatro

sabato 18 gennaio ore 21 | teatro
Valdrada Teatro presenta
FEARLESS
di e con Chiara Becchimanzi
e con Alessio Righi chitarre
durata 90’ ca.

Una sensuale, emozionante e soprattutto autoironica ‘terapia di gruppo’, per innescare, attraverso risate ed emozioni, una riflessione sulle contraddizioni del nostro tempo, che sbandiera la parità di genere senza realizzarla mai davvero.


Chiara Becchimanzi, premio Comedy Roma Fringe 2016, tra le 100 eccellenze creative del Lazio 2018, conduce una sensuale, emozionante e soprattutto autoironica terapia di gruppo, per cercare di capire, tutti insieme, cosa diavolo è che vogliono le donne, e se sia poi così diverso da quello che vogliono gli uomini. Per poi gridarlo a gran voce: senza paura. “Fearless” fonde stand up comedy, musica, satira e teatro in un viaggio trascinante, per smontare i tabù sessuali e sentimentali che ancora ci ingabbiano, in un processo liberatorio ed esilarante che non lascerà nessuno/a escluso/a. Un’esperienza di grande condivisione teatrale, arricchita dalle chitarre di Alessio Righi, compagne di viaggio fondamentali per un flusso di coscienza i cui risvolti non sono mai quello che sembrano. Chiara Becchimanzi prosegue la riflessione iniziata con “Principesse e Sfumature – Lei, Lui & Noialtre” – inserito tra le 100 Eccellenze Creative del Lazio 2018 (Volume 100 Storie di Creatività), Coppa Solinas Roma Comic Off 2017, Premio Comedy Roma Fringe 2016, scelto dal Festival di Psicologia 2017 e dal Collettivo Chayn per i diritti delle donne, andato in scena in tutta Italia per oltre 40 repliche – costruendo un ragionamento esilarante eppure delicato, coinvolgente e dissacrante, che va dalla vulva e i suoi desideri reconditi, alla proposta di compiti da svolgere in sala (tutte/i insieme) e a casa (privatamente), dalle idiosincrasie e i limiti della comunicazione tra donne, dall’amore omosessuale alla maternità, dalla pressione sul maschio alle sue frustrazioni, dagli orgasmi di lei agli orgasmi di lui, da Aristotele a Maria Maddalena al perbenismo anni ’60, dal femminicidio all’aborto, analizzando gli stereotipi di genere uno per uno, in un crescendo interattivo di cui il pubblico è assoluto protagonista, con l’intento di innescare, attraverso la risata e l’emozione, un meccanismo di riflessione sulle contraddizioni del nostro tempo, che sbandiera la parità senza realizzarla. Riflettere sull’origine di ogni nostro, personalissimo “circolo vizioso degli stereotipi”, può essere un ottimo punto di partenza per scardinarli tutti. Perché di riflettere c’è bisogno, ma se si riflette ridendo, si riflette meglio.

Valdrada prende il nome dalla ‘città-specchio’ immaginata da Calvino ne “Le città Invisibili”, ed è interamente gestita da artiste under 35. Dal 2010 a oggi: ha prodotto 10 opere che ancora oggi sono distribuite sul territorio nazionale; ha ideato altrettanti Festival, divenuti realtà di riferimento per l’offerta culturale capitolina/regionale; ha realizzato interventi formativi per Istituti di ogni ordine e grado; ha collaborato alla progettazione e al consolidamento del modello del Teatro del Lido pubblico e partecipato, unicum italiano. Valdrada si occupa di promozione culturale, attraverso la realizzazione e la distribuzione di opere di spettacolo dal vivo con attenzione alla multidisciplinarietà, all’intercultura, all’innovazione artistica, alle pari opportunità; si impegna per la costruzione di nuovi immaginari e modelli alternativi, per una cultura libera, accessibile, partecipata e viva, con particolare attenzione alle giovani generazioni e alle aree a rischio; fa formazione teatrale e culturale per bambini/e e ragazzi/e e per adulti. Valdrada attua collaborazioni, incontri e interscambi con Istituzioni pubbliche e private. Si occupa di progettazione di eventi culturali e artistici. Le opere della compagnia sono animate da un’attenzione particolare per gli aspetti sociali e civili: analisi critica della realtà, innovazione dei contenuti e dei linguaggi, utilizzo della risata come strumento catartico, formazione di nuovo pubblico, sia tra le nuove generazioni, sia nelle fasce trascurate dall’offerta culturale (migranti, soggetti a rischio, periferie), lavoro di rete sul territorio, ampliamento delle prospettive culturali e dell’immaginario artistico ai fini dell’accrescimento del benessere della cittadinanza e della costruzione di comunità. Valdrada è inoltre all’interno dell’Associazione TdL che si occupa della programmazione del Teatro del Lido, teatro pubblico e partecipato, che ha contribuito a restituire alla città unendosi, nel 2010, al Comitato Cittadino per la Riapertura del Teatro del Lido, occupandone gli spazi e mantenendone l’autogestione sino al 2013. Scriveva Eugenio Barba: “…il teatro è l’arte dello spettatore”. Così è per la Compagnia Valdrada che condivide con lo spettatore lo stesso respiro e lo stesso bagaglio emotivo e viscerale, elemento imprescindibile della comunicazione e della relazione teatrale. Il canale di tale relazione è uno specchio immaginario, una membrana ipersensibile che, magicamente, fa risuonare le corde dei/delle performer e del pubblico insieme, per un’armonia sempre nuova, sempre diversa.

Chiara Becchimanzi, nel 2009 si laurea all’Università La Sapienza (Laurea Magistrale in Saperi e Tecniche dello Spettacolo – Tesi in Antropologia Teatrale). Nel 2007 si diploma in Recitazione, Regia e Sceneggiatura all’Accademia Internazionale di Teatro di Roma diretta da Silvia Marcotullio. Premio Migliore Attrice Giovane Maschera d’oro di Vicenza 2017, per il ruolo di Elvira in “Morso di luna nuova” di Erri De Luca; con “Principesse e Sfumature”, Premio Comedy al Roma Fringe 2016, Coppa Solinas al Roma Comic Off 2017, tra le 100 eccellenze creative del Lazio 2018, Premio Giuria Giovani al Festival La Giovane Scena delle Donne 2019. Dal 2008 al 2010 lavora, come attrice protagonista, per le produzioni delle Compagnie Circo a Vapore (diretta da Silvia Marcotullio, 2008-2009), Teatro della Luce e dell’Ombra (diretta da Gennaro Duccilli, 2009), La Città Invisibile (diretta da Cinzia Mela, 2009-2010). Nel 2010 fonda la Compagnia Valdrada, all’interno della quale lavora come attrice, autrice, regista e project manager, curando drammaturgia e regia degli spettacoli “Tu, uomo!” (Premio Short 2010), “Baccanti” (Miglior spettacolo e miglior regia Rota in Festival, Festival di Fasano, Festival Paolo Dego), “MXM” (primo adattamento italiano da “Doppia Menzogna” di W. Shakespeare), “Sogno di un mattino d’inverno” (spettacolo di Teatro Ragazzi), “Dionisiaca – opera buffonesca” (progetto primo in graduatoria per l’assegnazione contributi spettacolo dal vivo Regione Lazio 2016). Nel 2016 scrive, dirige e interpreta “Principesse e Sfumature”, spettacolo selezionato dall’Ordine degli Psicologi del Lazio per il Festival di Psicologia e dal Collettivo Chayn per i Diritti delle Donne, e inserito nel Volume “100 storie di creatività del Lazio 2018”. Nel 2018 scrive, dirige e interpreta “Epic Fail#1_PreCario Diario” e “Epic Fail#2_Di Altri Demoni”, progetto secondo in graduatoria per l’assegnazione dei contributi spettacolo dal vivo Regione Lazio 2018). Scrive, dirige e interpreta nel 2018 anche “Girls Just Wanna Have…???”, secondo monologo comico a tema femminile, che debutta nella rassegna “Teatri d’Arrembaggio 2018”. Nel 2019 va in scena con l’ultimo capitolo della riflessione, “Fearless”, una vera e propria terapia teatrale di gruppo. Nel 2017 e nel 2018 dirige, per la Compagnia Bretelle Lasche di Belluno, rispettivamente “Ai ferri corti nel parco” e “The Show Must Go On”. Nel 2018 cura la regia de “La Rivoluzione nella Pancia di un Cavallo”, spettacolo teatrale e musicale di Daniela di Renzo, con Marica Roberto e Marco Paparella, e con i musicisti Ermanno Dodaro ed Emiliano Begni. Dal 2012 è inoltre attrice per la Compagnia Internazionale Ondadurto Teatro, nelle produzioni di ‘teatro urbano’ (una miscela di teatro, circo, acrobatica e grandi scenografie in movimento) “Felliniana”, “C’era una volta”, “Café Europa”, rappresentate, oltre che in Italia, in Germania, Francia, Spagna, Isole Canarie, Danimarca, Polonia, Romania, Croazia, Inghilterra, Russia, Austria, Cile, Messico. Si occupa inoltre di progettazione e organizzazione di manifestazioni culturali realizzate con il sostegno istituzionale (Roma Capitale, Regione Lazio, Provincia di Latina, Comune di Minturno, Comune di Lipari, Comune di Messina). Vicepresidente dell’Associazione TdL che cura la programmazione il Teatro del Lido di Ostia. Dal 2019 comedian per Comedy Central It (“Stand Up Comedy” e “Comedians solve World Problems”). Nel 2018 partecipa come attrice al cortometraggio solidale “Voce”, per la regia di Matteo Delai, con Alessandro Haber e Ciro Scalera.

https://www.facebook.com/valdrada.compagniateatrale/?fref=ts
http://www.valdradateatro.it
https://chiarabecchimanzi.wordpress.com