25/01/2019 Ragazzi

venerdì 25 gennaio ore 9 e ore 11 | teatro ragazzi
Fondazione Aida presenta
ANNE FRANK
ispirato al Diario di Anne Frank
regia Selene Farinelli
con Enrico Ferrari e Marina Fresolone
tecnico Riccardo Carbone, Andrea Venturelli
produzione Fondazione Aida
dai 10 anni

In scena la vera storia di Anne, quello che viveva e provava durante la clandestinità, durante il viaggio verso il campo di concentramento e negli ultimi giorni di vita. Una ragazza coraggiosa, capace di tradurre in parole gli avvenimenti che stavano travolgendo il suo mondo.


Per il suo tredicesimo compleanno Anne riceve in regalo un quaderno, che diventa il suo diario segreto, diretto a Kitty, l’amica immaginaria cui confidare i suoi pensieri. Il diario per Anne rappresenta l’unica possibilità di esprimersi, di raccontare le proprie esperienze e i propri pensieri. Ma il diario di Anne descrive soprattutto la vita nei due anni in cui lei, la sua famiglia e altre quattro persone, tutti ebrei, hanno vissuto nascondendosi dalla persecuzione nazista, prima di essere traditi e deportati. Anne ci racconta il suo modo di resistere agli orrori della Storia, il suo tentativo tenace di rimanere felice nonostante tutto. Anne rimane chiusa nel nascondiglio segreto proprio quando il suo corpo sta cambiando, mentre i suoi sentimenti mutano e si complicano. È un’adolescente: a volte è ancora bambina, altre invece sembra già grande. Chiusa nel sottotetto della fabbrica che un tempo era del padre, Anne scopre l’amore, prende in giro chi le sta antipatico, si fa domande più grandi di lei e, quando è molto triste, si abbandona al sogno di luoghi senza guerre. Anne dall’abbaino posto sul tetto osserva tutto, scorge tutti i mali del mondo, vede i poveri chiedere la carità e i nazisti caricare sui camion gli ebrei. Anne dalla finestra lassù in alto pare spiare anche noi, sembra chiedersi se non siamo tutti un po’ uguali. Non sono passati neanche cento anni, in fondo, da quando lei si è dovuta nascondere in quel rifugio ad Amsterdam. Molte guerre ancora ci circondano e l’odio sta tornando a serpeggiare in Europa. Da quel palco, da quel rifugio Anne tende la mano al pubblico e sembra dirci di non avere paura, di credere ancora nell’umanità come ci credeva lei, perché senza i sogni e la speranza nulla potrà mai cambiare. Nel racconto scenico scopriremo la vera storia di Anne, quello che viveva e provava durante la clandestinità, durante il suo viaggio verso il campo di concentramento di Auschwitz e negli ultimi giorni della sua vita. Attraverso lo studio di documenti originali e studi svolti in tutti questi anni la figura di Anne si svelerà agli occhi dei ragazzi: una ragazza coraggiosa e capace di tradurre in parole molto più mature di lei gli avvenimenti che stavano travolgendo il suo mondo.

Il teatro è la storia di Fondazione Aida una realtà culturale attiva e presente nell’ambito teatrale da oltre trent’anni. Riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dal Ministero per la Pubblica Istruzione, Fondazione Aida, organizza e produce stagioni teatrali rivolte alle scuole e alle famiglie, propone percorsi di formazione e iniziative di prosa, incontri con persone del mondo della cultura e dell’attualità ma, anche, formule di parternariato con realtà aziendali che ci danno fiducia nella creazione di progetti mirati. È il 1983 quando, a Verona, un gruppo di artisti decide di riunirsi per promuovere il teatro per ragazzi. Sono i primi passi verso la nascita di una realtà che, sin dall’inizio, si presenta come spazio aperto in cui artisti con versatilità e caratteristiche differenti possono confrontarsi, collaborare e far nascere nuove creazioni artistiche. Nel 1987, l’associazione ottiene dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali il riconoscimento di teatro stabile di innovazione per ragazzi e si deve arrivare al 1996 perché l’associazione diventi una fondazione: Fondazione Aida. Il cambiamento e l’evoluzione sono uno dei punti di forza di questa realtà che nata a Verona ha sempre avuto uno sguardo curioso rivolto all’esterno. Nel 2003, quindi, diventa anche un centro di formazione professionale accreditato dalla Regione del Veneto in grado di organizzare corsi per gli operatori tecnici, artistici e organizzativi dello spettacolo dal vivo. Perché il teatro non è solo un momento essenziale della crescita culturale di ogni persona, ma può anche diventare ambito di realizzazione personale e professionale in cui le proprie aspirazioni possono trovare forma. L’attività formativa è aperta, con percorsi mirati, anche a insegnanti, educatori, bambini e ragazzi.

www.fondazioneaida.it
https://www.facebook.com/fondazioneaida
https://www.youtube.com/watch?v=l0F-Hn6CMgc